Gli elementi di purificazione Black Berkey® rimuovono le fibre di plastica dall'acqua?

Le fibre di plastica, conosciute anche come microplastiche e fili di plastica, sono piccoli pezzi di plastica che possono entrare e contaminare l'acqua potabile. Gli scienziati stanno studiando i percorsi esatti che consentono alle microplastiche di entrare nella fornitura di acqua potabile. Una recente indagine sulle microplastiche in acqua ha rilevato che queste analisi catturavano particelle di dimensioni superiori a 2,5 micron, che sarebbero 2,5 micrometri.

Un "micron" è un termine abbreviato per "micrometro", ovvero un milionesimo di metro (1/1.000.000 di metri). Si tratta di 0,00004 pollici. Per il confronto delle dimensioni, un globulo rosso umano è di circa 5 micron di diametro. Un capello umano è di circa 75 micron di diametro (a seconda della persona).**

Lavorare su una scala più piccola di 2,5 micron sarebbe di 2.500 nanometri.

Gli elementi di purificazione Black Berkey® possono ridurre i virus fino alla scala nanometrica, nell'intervallo testato di 24-26 nanometri.

24-26 nanometri è da .024 a .026 micron, in altre parole, molto più piccoli delle particelle di plastica che si trovano nell'acqua e quindi sì, dovrebbero rimuovere queste particelle da qualsiasi fonte d'acqua.

Il fatto che gli elementi di purificazione Black Berkey® siano stati testati per rimuovere i virus nell'intervallo dei nanometri suggerisce che anche i contaminanti di dimensioni molto più grandi, come le fibre di plastica, dovrebbero essere rimossi. È quasi impossibile pensare che queste particelle possano passare attraverso i filtri in qualsiasi fase.

Tuttavia, dal momento che non sono ancora state condotte prove reali delle fibre di plastica, Berkey® non può formulare ufficialmente tale richiesta.